Chiesa di Sant'Antonio Abate

La chiesa monumentale di Sant'Antonio Abate è un edificio di culto inserito all’interno del tessuto urbano. Si trova in una delle più importanti zone dedicate allo shopping della città, via Giuseppe Manno.

Storia della Chiesa di Sant'Antonio Abate

Secondo molti studiosi della storia sarda, l’edificio faceva parte di un complesso che comprendeva l’ospedale dei Padri Agostiniani e l’ospedale di Sant’Antonio Abate, risalenti al XII secolo. È documentato che, nel 1638, l’Ordine degli Spedalieri di San Giovanni di Dio, detti anche Fatebenefratelli, prese in carico la gestione del complesso subentrando ai Padri Agostiniani, iniziando una serie di lavori di restauro del convento e dell’ospedale.

La chiesa attuale, consacrata nel 1723 dal vescovo Sellent, venne edificata nella prima metà del XVIII secolo. I frati utilizzarono la chiesa e si occuparono dell’annesso ospedale fino al 1850, quando Gaetano Cima ultimò l’attuale Ospedale San Giovanni di Dio, garantendo uno spazio più adatto alla cura dei malati.

I locali che un tempo furono dedicati ai malati ed agli indigenti vennero ceduti a privati, che ne fecero dimore e attività commerciali, mentre la chiesa fu donata alla Confraternita della Madonna d’Itria, diventando quindi sede dell’oratorio per il quartiere della Marina.

Architettura esterna della Chiesa di Sant'Antonio Abate

Chiesa di Sant'Antonio AbateL’impianto della chiesa è di tipo ottagonale allungato, sormontato da una cupola. Questa poggia su un tamburo privo di decorazioni, divisa in spicchi snelliti da riquadrature multiple, e sormontata da una lanterna rimasta immutata nonostante i restauri. Il tamburo, all’interno, è formato da archi a tutto sesto, attraverso i quali si aprono finestre rettangolari.

La chiesa di Sant’Antonio Abate è un magistrale esempio di permeabilità del tessuto urbano, con un inserimento, tanto discreto quanto affascinante, in quello che è l’edificato di via Manno.

Il portale in stile barocco, unico elemento di affaccio sulla strada, deve la sua suggestiva monumentalità alla presenza delle alte paraste, prive di decorazioni, che protendono verso la sede stradale, provocando un effetto di “abbraccio” al visitatore.

Al di sopra delle paraste, sormontate da capitelli riccamente decorati sui quali si posa una ricca modanatura, trionfa lo stemma degli Spedalieri di San Giovanni di Dio.

Sulla sommità della facciata, all’interno di una nicchia affiancata da stupende volute e ricche decorazioni a festone, è visibile la statua di Sant’Antonio Abate.

Architettura interna della Chiesa di Sant'Antonio Abate

All’interno della chiesa, i caratteri dominanti sono la snellezza degli elementi architettonici e l’andamento verticale, sia dell’ambiente principale che delle cappelle laterali. I capitelli dorati, che presentano caratteri meno canonici rispetto alla trabeazione, sono riconducibili allo stile corinzio per quanto riguarda le proporzioni e allo stile composito per il modo in cui si sviluppano le volute.

Il contrasto cromatico tra gli intonaci verdi e oro rende l’interno della chiesa davvero suggestivo, per quanto i disegni non siano particolarmente originali e si concentrino più che altro ad ornare i cartigli sulle chiavi d’arco.

L’altare maggiore è riccamente decorato con stucchi, intonaci dorati e preziosi marmi policromi. Sono inoltre presenti un profondo presbiterio, nella parte centrale, e sei cappelle rettangolari voltate a botte.

Cosa visitare nei dintorni della Chiesa di Sant’Antonio Abate?

La Chiesa è situata a metà di Via Manno, via dello shopping nel centro di Cagliari, ed è vicinissima a via Garibaldi. Si trova inoltre a due passi dal Bastione di Saint Remy e dalla Chiesa di Sant’Agostino.

Indirizzo

Via Giuseppe Manno, 54 - 09100 Cagliari

Telefono

+39 070 664776

Bus

7 - 10