Grotta della Vipera

Il sito archeologico della Grotta della Vipera, in Viale Sant' Avendrace, è un ipogeo funerario, ossia un sepolcro scavato nella roccia a ridosso della necropoli fenicio-punica di Tuvixeddu. L’area venne sfruttata anche dagli antichi Romani come luogo di sepoltura dell'antica Karales.

La leggenda del sepolcro di Pomptilla

Dettaglio della grotta della viperaLucio Cassio Filippo fece costruire il sepolcro funerario in onore della moglie Attilia Pomptilla tra la fine del I secolo e l'inizio del II secolo D.C. La storia, trovata incisa nel sepolcro, racconta che una grave malattia colpì Lucio, ma la donna pregò talmente gli Dei che venne esaudito il suo desiderio di morire al posto dell'amato. Lucio, spinto da infinito amore, fece erigere per l'adorata moglie il sepolcro, arricchendo le pareti con poesie in greco e latino, e con fregi scolpiti. Il nome del sito deriva dalle due vipere scolpite nell'architrave dell'ingresso, che simboleggiano la vita eterna e la fedeltà coniugale. L'interno del sepolcro, è suddiviso in tre ambienti: un vestibolo e due camere funerarie. Attualmente gli interni della grotta della vipera non sono visitabili, ma è possibile visionare il sepolcro esternamente e gradire di una visita guidata in multi-lingua grazie al personale addetto.

Gestione

Associazione Orientare

Indirizzo

Viale Sant'Avendrace, 87 Cagliari

Telefono

+39 366 2562826

Email

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Bus

1